To top
12 Ott

La verità nascosta

crem's blog enrica alessi scrittrice
D' improvviso era diventata popolare, era qualcosa di cui sparlare, era interessante. Eppure nessuno si era mai accorto di lei prima. Era sempre stata quella simpatica che sa ridere dei suoi difetti, che non se la prende quando gli altri la prendono in giro. Ma le cose non stavano proprio così. Era stato il suo sorriso impavido a trarli in inganno o erano gli altri a essere tanto ciechi da non accorgersi di quanto lei soffrisse? Era stanca delle battute infelici che la sua autoironia era costretta ad accettare. Buon viso a cattivo gioco. Ma erano solo gli altri a divertirsi. Viveva nel terrore che potessero metterla in imbarazzo davanti al ragazzo che le piaceva. Avrebbe dato qualsiasi cosa purché fosse suo, ma lui non...
Continue reading
10 Ott

La Femme della femme fatale

crem's blog enrica alessi scrittrice
C i sono femme fatale e femme fatale. Ci sono quelle che ci nascono, e quelle che provano a diventarlo. E quelle che ci riescono non sanno eguagliare quelle che lo sono dal principio. Io faccio scintille solo se mi tolgo alla svelta la vestaglia di pile. Non sarò mai una di loro, non avrò mai quella sensualità innata, l'attitude prorompente, l'aspetto stuzzicante, la linea perfetta e quel profumo peccaminoso. Un fascino indescrivibile che neanche Sharon Stone in Basic Instinct mentre accavalla le gambe. Nessuno sa resistere. Rossa, calda, abbondante: lei trasuda desiderio. Non le serve un piatto d'argento, sa essere invitante anche dentro una scatola di cartone, e non ci vuole un genio per capire che Cocciante aveva ragione:...
Continue reading
6 Ott

C’era una volta una piccola principessa…

crem's blog enrica alessi scrittrice
 
P oi non ho capito: la storia del piccolo principe è stata scritta, ma quella della piccola principessa? Niente. La scrivo io. La piccola principessa vive su un pianeta piccolissimo situato nel punto G-612, ma nessun uomo è ancora riuscito a trovarlo. Rosa, la governante, continua a ripeterle che così non va bene. Che alla sua età dovrebbe già essersi trovata un marito e che se non vuole rimanere zitella deve darsi una mossa. "Ti prometto che terrò annaffiato quello stupido fiore che tieni sotto la campana, che non lo darò in pasto ai baobab, e ai vulcani ci penserò io. Tu vai!" La piccola principessa si mette in viaggio. Il primo pianeta che trova sulla sua strada è #VillaggioVacanze29: dove...
Continue reading
3 Ott

A grande richiesta torna la nonna Anna…

crem's blog enrica alessi scrittrice
A grande richiesta torna la nonna Anna. Sedetevi, mettetevi comodi, perché prima di entrare nel clou della vicenda, devo fare una precisazione sul suo stile. Dimenticate il low profile e l'ordinario: stiamo parlando di lei. Abiti hollywoodiani, cotonature importanti e gioielli vistosissimi. Tessuti satinati, blazer con spalline da Mazinga Z, drappeggi, baschine e paillettes. Cascate di paillettes. E l'immancabile tacco 6: quello che a tirarlo tornava indietro come un boomerang. La nonna Anna si circondava solo di personaggi stimolanti, un circolo per anziani in cui si parlava di cucina, si facevano scommesse sulla fine di "Anche i ricchi piangono" e il lavoro a maglia. Il lavoro a maglia era la peculiarità che ti rendeva idonea per entrare nel club: se non sapevi usare...
Continue reading
29 Set

Il soprammobile

crem's blog enrica alessi scrittrice
È L'altro giorno riflettevo sui soprammobili, anzi sull'utilità dei soprammobili e non ne ho trovata neanche mezza. Ma perché mai qualcuno dovrebbe inventare qualcosa che non serve a niente? Per definirsi tale, Il soprammobile deve rispondere a 3 requisiti fondamentali: 1. Deve essere figlio di un battesimo, di una comunione, di una cresima, di un Bar Mitzvah o di un matrimonio. Il soprammobile è una di quelle cose che mai ti compreresti, ma siccome qualcuno te l'ha regalata, buttarla via ti sembra brutto. 2. Sotto di lui c'è sempre un centrino a punto fiori traforati. Rigorosamente bianco/panna. - Qualcuno afferma pure di averne visti di nocciola. 3. È vero che tutti lo chiamano soprammobile, ma inizialmente "ei fu immobile". Nel senso che deve...
Continue reading
27 Set

Piccole canaglie

crem's blog enrica alessi scrittrice
È tradizione vorrebbe che fossero i grandi a dire ai bambini cosa fare, ma nella maggior parte dei casi sono loro ad avere il potere - anche quando diresti il contrario. I bambini sono astuti, caparbi, tenaci, e lo sono da subito: da quando stanno nella culla fingendo di piangere solo perché si sono stancati di stare sdraiati. Più gli anni passano, più la situazione peggiora. Col passare del tempo il bambino impara a leggere nelle mente del genitore - manco fosse Mel Gibson in "What Women Want" - intuisce i suoi momenti vulnerabili e comincia a manipolarlo. Non è un caso che giochi sempre con il pongo: per lui siamo morbide palline da spappolare senza pietà. Gli basta guardarti con...
Continue reading