To top
27 Set

Piccole canaglie

crem's blog enrica alessi scrittrice
È tradizione vorrebbe che fossero i grandi a dire ai bambini cosa fare, ma nella maggior parte dei casi sono loro ad avere il potere - anche quando diresti il contrario. I bambini sono astuti, caparbi, tenaci, e lo sono da subito: da quando stanno nella culla fingendo di piangere solo perché si sono stancati di stare sdraiati. Più gli anni passano, più la situazione peggiora. Col passare del tempo il bambino impara a leggere nelle mente del genitore - manco fosse Mel Gibson in "What Women Want" - intuisce i suoi momenti vulnerabili e comincia a manipolarlo. Non è un caso che giochi sempre con il pongo: per lui siamo morbide palline da spappolare senza pietà. Gli basta guardarti con...
Continue reading
22 Set

The English Oak collection by Jo Malone London

The English Oak collection by Jo Malone London
L' aria era fredda e una spessa coltre di nebbia avvolgeva la Contea di Nottinghamshire.  Gli ultimi raggi di sole si spegnevano all'orizzonte e raffiche di vento sempre più impetuose minacciavano una notte di tempesta.  Stava per piovere e lui doveva trovarla.  Salì sul suo cavallo che già sapeva dove condurlo: conosceva a memoria gli stretti sentieri della foresta di Sherwood.  L'odore penetrante delle foglie degli alberi era un richiamo e le prime gocce di pioggia brillavano sul muschio e sui fili d’erba come tanti piccoli smeraldi.  La scorse tra i rami ed era come la immaginava: ai piedi della Grande Quercia assorta nei suoi pensieri. Si avvicinò e la luce dei grandi occhi neri nascosti sotto il cappuccio di seta lo illuminarono.  "Siete...
Continue reading
15 Set

That’s Italy

That's Italy
A ltro che mandolino, mafia e spaghetti, gli italiani sono famosi nel mondo per il culto della "bella figura". È nel nostro DNA. Quella ricerca del bello in ogni più piccola cosa, e quell'innata capacità di rendere tale anche ciò che non lo è. Gli italiani amano la bella vita, e per farla come si deve usano "l’arte di arrangiarsi". Si ingegnano, si arrabattano, improvvisano e quando si mettono in testa una cosa, nessuno può fermarli. American Beauty? l’Italia non ha niente da invidiare agli altri paesi. La cucina è una delle migliori, il vino uno dei più stimati, le auto di lusso tra le più ambite, le città d’arte una meta per ogni cittadino del mondo, e anche il suo Made in...
Continue reading
14 Set

Back To School!

Back To School!
B ack to school. Lo dicono tutti, lo scrivono tutti, lo odiano tutti. La pubblicità del marmocchio sorridente che va a comprarsi lo zainetto nuovo è la sola cosa positiva della faccenda, perché l'incubo dell'inizio della scuola non riguarda solo i bambini, ma anche le mamme dell'intero pianeta. Tre mesi di vacanza non sono bastati a farti dimenticare il terrore che si cela dietro l’organizzazione di un anno scolastico. Tutto sta ricominciando da capo. 1. Sveglia ore 6,45 per riprendere conoscenza e soffocare il pianto di sconforto nel cuscino. 2. Ingresso nella camera dei bambini, accensione dell'interruttore della luce e prima chiamata: il nulla. Forte tentazione di spegnere la luce e tornare a dormire. 3. Seconda chiamata. Terza chiamata. "Amore, tesoro. Svegliati passerotto....
Continue reading
8 Set

Pronto, chi parla?

Pronto, chi parla?
L a mia adolescenza è stata una mezza schifezza, ma c'era una cosa che mi entusiasmava, una sorta di premio di consolazione: gli scherzi telefonici. Per farli a regola d'arte avevi bisogno di: 1. Una casa senza genitori tra i piedi 2. Un'amica deficiente che sapesse fare le voci (quella di solito ero io)  3. Un elenco telefonico per sorteggiare i fortunati. Dalle tre alle sette c'era "il via alle telefonate": era l'appuntamento fisso pomeridiano. Spulciando l'elenco io e la mia amica avevamo trovato questa signora che di cognome faceva CAPPELLATO, che in Emilia è un sinonimo di "BECCATO", e chi poteva resistere di fronte a una cosa così? La chiamavamo tutti i santi giorni dicendo: La chiamavamo tutti i santi giorni dicendo: "Cappellato?" "Sì...
Continue reading
7 Set

La nonna Anna

La nonna Anna
L a nonna Anna è siciliana. Ha le sue abitudini, i suoi modi di dire e uno stile pazzesco: un mix tra Joan Collins e Kylie Minogue. Quando ero piccola e finiva la scuola, io, mio fratello e mio cugino andavamo al lago di Garda con la nonna. Stavamo con lei due mesi, e ancora oggi mi domando come riuscisse a gestire tre bambini di 5, 10 e 11 anni, che insieme erano l'inferno in terra. Gliene abbiamo combinate di tutti i colori. E nonostante lei lo immaginasse, passava a prenderci con la sua Citroën Visa rosso fuoco - carica di bagagli e di tanta, tanta, tanta pazienza. Si cominciava a farla impazzire dal viaggio in macchina. Ogni pretesto era...
Continue reading