To top
26 Lug

In quella fredda sera di novembre, la stanza diventò bollente

enrica alessi scrittrice romanzo not for fashion victim
E in quella fredda sera di fine novembre, la stanza dell’ospedale diventò bollente. Anche la mia lingua è diventata bollente: un pezzo di mozzarella è addirittura riuscito a fondermi le papille gustative. Ma ho fatto finta di niente, ignorando il dolore, senza staccare gli occhi da lui. Sembra Apollo, il Dio del sole, ma sempre in versione country: mi piace. “Allora, mi racconti che è successo?” mi chiede mentre afferra la lattina di Coca rimediata al distributore automatico. Anche lui tiene gli occhi su di me. Mi versa da bere, allunga il suo bicchiere di plastica al mio, e fa ‘cin cin’ con la voce. Finisco il boccone e inizio a parlare. “Ho solo cercato di scansare un gatto che mi...
Continue reading
27 Giu

Anche io voglio essere ‘L’ amica geniale’

Enrica Alessi romanzo a episodi Not For Fashion Victim
S ono in macchina, sulla via di casa. A tenermi compagnia è il fruscio del cellophane che avvolge la gruccia su cui è appeso il cappotto di Cassandra, pulito e profumato. E tra poco, quando sarà di nuovo tra le sue braccia, tutto tornerà come prima. Non voglio più litigare con lei, non prenderò più nulla dal suo armadio, senza il suo permesso — specie se di Saint Laurent, specie se ‘l’occasione speciale’ prevede di far nascere vitelli di fattori imbranati, che promettono di chiamarti e poi non lo fanno. Non mi importa più nemmeno di Britney. Ho cercato in ogni modo di trovare il suo lato positivo, ma sono arrivata alla conclusione che deve essere un cerchio. Mi avrà anche soffiato l’organizzazione...
Continue reading
13 Giu

Un marito per Coco

Not For Fashion Victim Romanzo Enrica Alessi
È stato un weekend lungo e noioso. Cassandra non si è fatta viva e Jerôme continua a non rispondere, ma mi avrebbe stupito il contrario. Quello che non mi spiego, invece, è perché abbia passato l’intero fine settimana a controllare il telefono, aspettando che Diet Coke mi chiamasse. A volte, ho come l’impressione di avere un radar, che intercetta tutti gli uomini sbagliati nel mio raggio d’azione, ma il mio deve essere difettoso: invece di segnalarmi il pericolo per evitarlo, riesce sempre a farmi sbattere contro uno di loro. Ho visto quel tipo una volta soltanto e già lo detesto: se non lo avessi incontrato, il cappotto non sarebbe in lavanderia e ora, avrei ancora la mia fedele compagna. Okay, ammetto che...
Continue reading